Ricorda che il trading di CFD, come qualsiasi altro tipo di investimento, può essere rischioso per via delle brusche variazioni di prezzo di un determinato asset o leva finanziaria.

I contratti per differenza vengono offerti principalmente su materie prime, azioni, derivati ​​sintetici e indici. Il CFD è un accordo per scambiare la differenza nel valore di un particolare asset tra l’apertura del contratto e la chiusura del contratto. Puoi vendere/andare short e comunque potrai trarre profitto dal calo di prezzo di un asset.

È possibile fare trading di CFD nel forex?

Certo. Con i contratti per differenza è possibile coprire un’ampia varietà di asset. La parola forex deriva dalla combinazione delle parole foreign (estero) ed exchange (cambio). Non vi è differenza rispetto al trading CFD di un asset o di una materia prima. Se ritieni che una valuta aumenterà di valore, vai long o la compri. Le valute si muovono sempre in coppia, quindi fai trading supponendo che, ad esempio, il dollaro USA si rafforzerà, aumenterà di valore e costerà più euro rispetto a un dollaro USA.

Una cosa fondamentale nel trading di CFD: lo spread

Lo spread è la differenza tra il prezzo di domanda e il prezzo di offerta all’apertura del trade.

Questa è la commissione che un utente deve pagare e dipende dalla dimensione dell’ordine piazzato. Quando parte il trade, il saldo è in negativo per l’importo dello spread. Se clicchi su ACQUISTA, il prezzo indicato è il tasso BUY/ASK, ma il prezzo al quale aprirai e scambierai il tuo trade sarà il tasso BID/SELL e viceversa.

Ecco perché a inizio trade dovresti aspettare un po’ prima che il mercato copra la commissione iniziale e quindi per andare in profitto. Nel caso in cui chiudi la posizione subito dopo che è stata piazzata, pagherai il suo spread.

I CFD sono strumenti complessi e comportano l’elevato rischio di subire perdite di denaro rapidamente per via della leva finanziaria.

La Società desidera annunciare la sua decisione di non prestare più servizi di investimento a partire dal 7 Agosto 2022.

Per ulteriori chiarimenti, si prega di contattare il nostro Servizio Clienti.

OK